L'ArgineMaestro Associazione Culturale
storia arte ambiente cultura locale dialetto bassa-reggiana testimonianze archeologia prodotti del territorio

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all'Associazione L'Argine Maestro per il 2017

Socio 2017

Chi fosse interessato può inviarci una mail o contattare direttamente il Presidente dell'Associazione: Daniele Daolio

Tutti i giorni, vai sul Blog L'Argine Maestro, l'aggregatore di notizie, stimolazioni intellettuali, riflessioni, segnalazioni e interessanti spunti per meglio conoscere e comprendere il territorio Basso-Padano.

Ritagli STAMPA


L'argine Maestro racconta la Bassa

Chi abita vicino al Po è abituato alla corrente e ci convive: sa che qualche volta porta sollievo e altre volte fa paura, ma è quasi certo che il Fiume, anche nei momenti di rabbia, starà lontano dalle case, dietro la solida difesa degli argini. Da vari mesi, tuttavia, L’Argine Maestro ha assunto anche un’altra forma, per proteggere le terre basse del Po da un’altra corrente: quella del tempo che scorre troppo veloce e dell’oblio che cancella i ricordi.

 

Bertelli


L’Argine Maestro è prima di tutto un’associazione culturale, nata nel 2008 per una convergenza di idee tra persone di interessi, cultura e professioni diverse. Alla base del gruppo, il desiderio autentico di preservare la cultura della Bassa dall’erosione del tempo, mettendo in comune le memorie e le testimonianze e proponendo iniziative rivolte a tutti i curiosi di queste terre, per aiutarli a “conservare”: sono nati il sito dell’associazione (arginemaestro.org) e un blog (associazionearginemaestro.blogspot.com) ricco di appuntamenti e spunti di riflessione, il gruppo ha organizzato alcuni incontri e momenti di condivisione e ha concepito idee per coinvolgere attivamente il territorio, a partire dalla raccolta di testimonianze (scritti, audio, video) di persone ancora in vita.

Da una di queste idee è nata la pubblicazione intitolata L’Argine Maestro, riscuotendo grande interesse da parte dei lettori. Gli intenti alla base del progetto sono gli stessi dell’associazione, anche se il pubblico è potenzialmente più ampio: far conoscere o far riemergere un patrimonio inestimabile di ricordi, esperienze, immagini, sensazioni, imprimerlo su carta e mettendolo a disposizione di tutti. Quel patrimonio è davvero ricchissimo: vi rientrano la storia e le tracce archeologiche, le tradizioni rurali, i fabbricati e le case, i paesaggi, le tradizioni, i mestieri e i loro strumenti; hanno pieno diritto di cittadinanza anche i giochi di infanzie passate, i sapori delle nostre tavole (che resistono, ma non tutti e non dappertutto), il calore dei dialetti, gli animali fantastici di una mitologia legata al territorio, i libri e i musei che raccontano un punto di vista particolare del mondo del Fiume. Tutti elementi che, messi insieme, compongono un’immagine fedele dell’identità della gente nata e cresciuta nella Bassa.

Dopo «L’esordio» ad aprile, L’Argine Maestro è tornato da pochi giorni nelle edicole e nelle librerie con «L’appendice», per condividere altre storie di queste terre. Hanno raccolto questa sfida alcune persone, tra soci e amici dell’associazione: alcuni scrivono per professione (ci sono scrittori come Giuseppe Pederiali e Gabriele Franceschi, nonché diversi giornalisti), altri per diletto, ma ciascuno è ben fornito di passione, di occhi per guardare e di voglia di raccontare.,,Non c’è nessuna operazione nostalgica in tutto questo, nessuna voglia di esaltare il passato a tutti i costi: c’è piuttosto l’esigenza di non disperdere quel patrimonio che merita di essere consegnato a chi è nato dopo o ancora deve nascere e l’unico modo per farlo è mettere a disposizione di tutti ciò che si è salvato. L’Argine Maestro fa la sua parte, con un centinaio di pagine in formato maneggevole, ricche di interviste, ricordi, esperienze e soprattutto immagini significative, che illustrano a dovere le storie di volta in volta raccontate: un piccolo tassello per ricostruire, passo dopo passo, il mosaico della Bassa.

 

dal 52° numero di: Guastalla 2011

 ______________________________________

Ritaglio

Anche il magazine on line ReggioNelWeb rilancia l'informazione dell'uscita in edicola del nuovo appuntamento con L'Argine Maestro.

 

ReggioNelWeb.it 6/12/2011

 ______________________________________

Ritaglio

 

Torna in edicola la Bassa

con “L’Argine Maestro”

Dedicato ai mestieri sopravvissuti, ai luoghi da conservare, alle persone da non dimenticare

 

Torna in edicola L’Argine Maestro, la pubblicazione curata dall’associazione omonima (presieduta da Daniele Daolio), nata per cercare di salvare il patrimonio inestimabile di storie, luoghi, sapori e ricordi prodotti fin qui dalle terre basse del Po, raccogliendo testimonianze e mettendole a disposizione delpubblico. Dopo “L’esordio” dell’Argine, uscito in aprile, ora i curiosi e gli appassionati della Bassa possono sfogliare “L’appendice”, altre cento pagine ricche di mestieri di un tempo sopravvissuti, luoghi da conservare, occasioni per vivere il Fiume, segni di un passato da riscoprire, storie di nobili passati e di persone quotidiane. Le prime copie sono state distribuite nei giorni scorsi a Guastalla, durante la fiera di Santa Caterina, ma saranno presto disponibili in tutte le edicole della Bassa reggiana e mantovana. La pubblicazione riunisce contributi di varia autori, coordinati dal giornalista Gabriele Maestri: vi si trovano, ad esempio, personaggi imperdibili, come “la Maria”, impagliatrice di sedie di sponda mantovana che non dimostra affatto i suoi 90 anni, oppure il “barbiere naif” di Lentigione Sergio Bianchi Ballano. C’è spazio per parlare di monumenti (come il Ferrante Gonzaga di Leone Leoni a Guastalla) o luoghi storici, da valorizzare (ciò che resta del complesso monastico di Campagnola) o restituiti alla vita grazie all’impegno di volenterosi, come il Teatro Sociale di Gualtieri. L’Argine Maestro ripercorre la storia di personaggi del passato (la breve vita di Filippo Alfonso Gonzaga) ed epopee più recenti, come quella di alcuni pionieri della motonautica sul Po; propone interessanti studi legati all’epoca romana e, attraverso la narrazione, restituisce uno spaccato di vita quotidiana delle infaticabili donne di campagna o degli scolari dell’epoca fascista. Nella pubblicazione c’è anche uno spazio dedicato a Umberto Bonafini, già direttore del Giornale di Reggio (e prima ancora della Gazzetta di Reggio) e scomparso a luglio: lui è rimasto sempre legato al “suo” Fiume e proprio del Po parla il suo articolo, scritto in occasione dell’ultima grande piena, nel 2000. Non manca infine uno sguardo alla Bassa mantovana e alla buona cucina, il tutto supportato da immagini di grande qualità.

 

da: Gazzetta di Reggio 5 dicembre 2011

_________________________________________________________

 ducale

da: Giornale di Reggio venerdì 2 dicembre 2011

 


Ritaglio

La pubblicazione

Cento pagine di storie, luoghi e memorie delle terre del Po, da preservare dal tempo

L’Argine Maestro narra la Bassa

Tra gli articoli, anche un ricordo del nostro ex direttore Umberto Bonafini


BASSA
– Mestieri sopravvissuti, luoghi da conservare, segni di un passato da riscoprire, storie di nobili passatie di persone abituate a convivere con la fatica. C’è tutto questo nella nuova “puntata” di L’Argine Maestro, la pubblicazione curata dall’associazione omonima, presieduta da Daniele Daolio. Le prime copie sono state distribuite a Guastalla durante la fiera di Santa Caterina, ma saranno presto disponibili in tutte le edicole della Bassa reggiana e mantovana. Lo spirito è lo stesso che aveva animato “L’esordio” dell’Argine in aprile: salvare il patrimonio inestimabile di storie, luoghi, sapori e ricordi prodotti fin qui dalle terre basse del Po, raccogliendo testimonianze e mettendole a disposizione di un pubblico vasto, prima che la corrente del tempo eroda le tracce rimaste e comprometta definitivamente la conservazione della memoria.
Il lavoro iniziato ad aprile continua grazie all’impegno di iscritti e sostenitori dell’associazione, coordinati dal giornalista Gabriele Maestri. Le pagine ospitano personaggi vulcanici, come “la Maria” che a 90 anni impaglia sedie (e fa mille altre cose) con la grinta di una ragazza, oppure Sergio Bianchi Ballano, 76enne barbiere di Lentigione con la passione per la pittura. Si parla poi di monumenti (come il Ferrante di Leone Leoni a Guastalla) o luoghi storici, da valorizzare o restituiti alla vita grazie all’impegno di volenterosi, come il Teatro Sociale di Gualtieri. L’Argine Maestro ripercorre la storia di personaggi del passato ed epopee più recenti, come quella della motonautica sul Po; scava nelle tracce dell’epoca romana (con l’individuazione di un nuovo percorso viario) e ridà voce agli scolari dell’epoca fascista o alle donne di campagna. Non manca uno sguardo alla Bassa mantovana (soprattutto con il cenacolo del monastero di San Benedetto Po e la zucca padana di Arneo Nizzoli) e alla buona cucina, il tutto supportato da immagini di qualità.
IL RICORDO
Nella pubblicazione c’è anche uno spazio dedicato a Umberto Bonafini, già direttore del Giornale di Reggio e scomparso a luglio: nato e cresciuto in terra di Po, è rimasto sempre legato al “suo” Fiume. Il giornalista era stato contattato all’inizio dell’esperienza dell’Argine, ma non c’è stato il tempo per una collaborazione: per ricordare Bonafini è stato scelto un suo articolo scritto in occasione dell’ultima grande piena del Fiume, nel 2000, quando il giornalista era editorialista della Gazzetta di Reggio. Il pezzo pubblicato è intriso di ricordi (soprattutto della tragedia del 1951) e “padanità”, come era tipico dello stile bonafiniano. La conclusione, da vero uomo di Fiume, prende atto di una verità che la gente ha provato sulla propria pelle: «Il Po merita di essere governato, ma come vuole lui, non come lo vorremmo noi. E’ la prima regola da seguire».

da: Giornale di Reggio martedì 29 novembre 2011


 

Ritagli

 

L’Oltrepò, come tutte le terre del Fiume, è ricco di segni, storie e testimonianze di un mondo unico, che si è sviluppato per secoli intorno alla via d’acqua più importante d’Italia: quelle tracce rischiano di essere cancellate dal tempo, ma meritano di essere salvate, narrate e rese disponibili a tutti gli interessati. È questo lo scopo con cui è nato «L’Argine Maestro», una pubblicazione che vuole offrire il primo tassello di un mosaico ambizioso, quello della memoria che si cerca di conservare. L’idea è nata all’interno di un’associazione che porta lo stesso nome: il gruppo, nato a Guastalla in terra reggiana, riunisce vari appassionati del Po e del suo mondo: «Sentiamo forte il bisogno di preservare, di capire, di evitare l’oblio e di trasmettere ai nostri figli frammenti importanti della cultura dei nostri padri – spiega il presidente Daniele Daolio – Alla base della nostra identità c’è un patrimonio enorme che non possiamo permetterci di perdere». «L’Argine Maestro», nelle sue pagine, ospita mestieri antichi, racconti di esperienze significative (come il «premio Suzzara», che si può ripercorrere tuttora attraverso la sua galle-ria), narratori di prestigio come Giuseppe Pederiali e immagini di sicuro impatto. La pubblicazione, disponibile nelle edicole (per informazioni, www.arginemaestro.org), punta a suscitare l’interesse di altri appassionati del Fiume che, magari, vogliano diventare a loro volta narratori delle storie del Po: in questo modo, il progetto potrebbe
trasformarsi in una vera rivista, con periodicità regolare, che permetta alla Bassa di raccontarsi. (g.m.)

 

da: l’Oltrepò Mantovano 2 aprile 2011

 


 

 

Bassa

da: L'INFORMAZIONE 10 aprile 2011

 

 

 

Carlino

 

L'Argine Maestro, nasce a Guastalla una nuova associazione culturale

Si chiama "L'Argine Maestro". E' una nuova associazione culturale sorta a Guastalla. Una bella iniziativa, voluta da appassionati del Po e di tutto quello che il Po porta con sè in termini di cultura, tradizioni, personaggi, poetici, immensi, uomini e donne ricchi di sentimenti e passioni, e per questo già tanto cari a Cesare Zavattini. L'associazione - presieduta da Daniele Daolio - si presenta al pubblico con una elegante rivista che propone contributi di uomini di cultura e giornalisti della Bassa reggiana. Si parla del sagrestano di don Camillo, dei cestai di Annovazzi, dei canottieri che dai nostri argini salparono, alla volta di Trieste! Quante storie. Cominciando dalle "divagazioni su e giù per l'Argine" di Giuseppe Pederiali, il noto scrittore, che comincia il suo articolo in maniera folgorante (potrebbe essere l'incipit di un romanzo di Gabriel Garcia Marquez): "Io sono stato concepito sull'argine, verso la golena, all'altezza dell'orto di Floro". La rivista è nelle edicole e librerie di Guastalla e dintorni. Letture (e foto) da non perdere.

da: il Resto del Carlino 10 aprile 2011

 


 

 

Gazzetta

 

«L'Argine Maestro»: uno scrigno di ricordi

Lo scopo è non disperdere il patrimonio culturale della Bassa

 GUASTALLA. Nelle edicole e nelle librerie della Bassa reggiana e mantovana arriva una pubblicazione nuova, proposta da E. Lui editore. Il titolo, «L'Argine Maestro», vuole essere un biglietto da visita, un programma e una sfida. «L'Argine Maestro è prima di tutto un'associazione culturale, nata nel 2008 per una convergenza di idee tra persone di interessi, cultura e professioni diverse - spiega il presidente dell'associazione, Daniele Daolio - a favorire la nascita del gruppo, il desiderio autentico di preservare la cultura della Bassa dall'oblio, mettendo in comune le memorie e le testimonianze, ma anche proponendo iniziative rivolte a tutti i curiosi delle terre basse del Po, per aiutarli a "conservare"». L'associazione si è così dotata di un sito istituzionale e di un blog costantemente aggiornato, ha organizzato alcuni incontri e momenti di condivisione e ha concepito alcune idee che potessero coinvolgere il territorio, a partire dalla raccolta di testimonianze. La pubblicazione intitolata «L'Argine Maestro» nasce in quel contesto. «Gli intenti - sottolinea il direttore Gabriele Maestri - sono gli stessi dell'associazione, anche se proposti ad un pubblico potenzialmente più ampio: far conoscere o far riemergere un patrimonio inestimabile di ricordi, esperienze, immagini, sensazioni e cercare di proteggerlo dall'oblio e dall'indifferenza, attraverso la conoscenza e la condivisione».  Il patrimonio è davvero ricchissimo: vi rientrano la storia e le tracce archeologiche, le tradizioni rurali, i fabbricati e le case, i paesaggi, le tradizioni, i mestieri e i loro strumenti; hanno pieno diritto di cittadinanza anche i giochi di infanzie passate, i sapori delle nostre tavole (che resistono, ma non tutti e non dappertutto), il calore dei dialetti, gli animali fantastici di una mitologia legata al territorio, i libri e i musei che raccontano un punto di vista particolare del mondo del Fiume. Tutti elementi che, messi insieme, compongono un'immagine fedele dell'identità della gente nata e cresciuta nella Bassa.  C'è un po' di tutto questo nelle 96 pagine che portano lo stesso nome dell'associazione: l'argine maestro è una presenza emblematica delle nostre terre, un riferimento che non viene meno, ma è soprattutto una difesa dalla forza dell'acqua. «L'Argine Maestro, in fondo, si propone di difendere la ricchezza della cultura della Bassa da un'altra corrente - precisa Maestri - quella del tempo che, scorrendo alla velocità frenetica cui siamo abituati, rischia di erodere poco alla volta quanto ancora rimane di un passato neanche troppo remoto». Hanno scelto di raccogliere questa sfida alcune persone, tra soci e amici dell'associazione: alcuni scrivono per professione (ci sono scrittori come Giuseppe Pederiali e Gabriele Franceschi, nonché diversi giornalisti), altri per diletto, ma ciascuno è ben fornito di passione, di occhi per guardare e di voglia di raccontare.  «Nessuna operazione nostalgica, nessuna esaltazione del passato a tutti i costi o fine a se stessa - tiene a precisare Daolio - a chi sale sull'Argine non interessa. Si avverte piuttosto l'esigenza di non disperdere quel patrimonio di cui si è detto, per poterlo consegnare a chi è nato dopo o ancora deve spuntare: alcuni elementi sono già stati persi o rischiano di esserlo presto, per cui non basta conservare, ma occorre mettere a disposizione di tutti ciò che si è salvato». L'Argine Maestro ci prova, con un centinaio di pagine ricche di interviste, ricordi, esperienze e soprattutto immagini significative, che illustrano le storie di volta in volta raccontate.  Da ultimo, la pubblicazione che esce ora non dovrebbe essere un episodio isolato, bensì un esordio. L'associazione vorrebbe che L'Argine Maestro diventasse quanto prima una vera rivista: occorrerebbe che più persone, non necessariamente iscritte all'associazione, accettassero di mettersi in gioco, permettendo così alla Bassa di raccontarsi a lungo.

da: GAZZETTA DI REGGIO 10 aprile 2011



GiornaleReggio

da: il Giornale di Reggio 10 aprile 2011


 

 

Reggionline

 

Un libro per raccontare storia e tradizioni della Bassa

Si chiama L’Argine Maestro ed è stato scritto per tenere vivo il patrimonio di ricordi, esperienze, immagini e sensazioni legati alla terra del Po

Nelle edicole e nelle librerie della Bassa reggiana e mantovana arriva una pubblicazione nuova: il suo titolo, L’Argine Maestro, vuole essere un biglietto da visita, un programma e una sfida.
“L’Argine Maestro è prima di tutto un’associazione culturale, nata nel 2008 per una convergenza di idee tra persone di interessi, cultura e professioni diverse – spiega il presidente dell’associazione, Daniele Daolio – A favorire la nascita del gruppo, il desiderio autentico di preservare la cultura della Bassa dall’oblio, mettendo innanzitutto in comune le memorie e le testimonianze, ma anche proponendo iniziative rivolte a tutti i curiosi delle terre basse del Po”. L’associazione si è così dotata di un sito istituzionale e di un blog costantemente aggiornato (ricco di appuntamenti e spunti di riflessione), ha organizzato alcuni incontri e momenti di condivisione e ha concepito alcune idee che potessero coinvolgere attivamente il territorio, a partire dalla raccolta di testimonianze (scritti, audio, video) di persone ancora in vita.
La pubblicazione nasce proprio in quel contesto. “Gli intenti alla base del progetto – sottolinea il direttore Gabriele Maestri – sono gli stessi dell’associazione, anche se proposti a un pubblico potenzialmente più ampio: far conoscere o far riemergere un patrimonio inestimabile di ricordi, esperienze, immagini, sensazioni e cercare di proteggerlo dall’oblio e dall’indifferenza, attraverso la conoscenza e la condivisione”. Il patrimonio è davvero ricchissimo: vi rientrano la storia e le tracce archeologiche, le tradizioni rurali, i fabbricati e le case, i paesaggi, le tradizioni, i mestieri e i loro strumenti; hanno pieno diritto di cittadinanza anche i giochi di infanzie passate, i sapori delle nostre tavole (che resistono, ma non tutti e non dappertutto), il calore dei dialetti, gli animali fantastici di una mitologia legata al territorio, i libri e i musei che raccontano un punto di vista particolare del mondo del Fiume. Tutti elementi che, messi insieme, compongono un’immagine fedele dell’identità della gente nata e cresciuta nella Bassa. C’è un po’ di tutto questo nelle 96 pagine che portano lo stesso nome dell’associazione: l’argine maestro è una presenza emblematica delle nostre terre, un riferimento che non viene meno, ma è soprattutto una difesa dalla forza dell’acqua.
Da ultimo, la pubblicazione che esce ora non dovrebbe essere un episodio isolato, bensì un “esordio”, come sta scritto anche sul dorso dei volumi. L’associazione vorrebbe che L’Argine Maestro diventasse quanto prima una vera rivista (con periodicità da definire).

 

da: www.reggionline.com 10 aprile 2011

 


 

 

NelWeb

 

L'Argine Maestro: la Bassa reggiana si racconta in una sfida editoriale.

Ma è solo l'esordio...

Gli obiettivi dell'Associazione L'Argine Maestro raccolti in libro “Per far conoscere un patrimonio inestimabile di ricordi, esperienze, immagini, sensazioni proteggendolo dall’oblio e dall’indifferenza, attraverso la conoscenza e la condivisione». 96 pagine di passione e amore per la nostra Bassa.



Nelle edicole e nelle librerie della Bassa reggiana e mantovana arriva una pubblicazione nuova: il suo titolo, L’Argine Maestro, vuole essere un biglietto da visita, un programma e una sfida.

«L’Argine Maestro e` prima di tutto un’associazione culturale, nata nel 2008 per una convergenza di idee tra persone di interessi, cultura e professioni diverse – spiega il Presidente dell’associazione, Daniele Daolio – A favorire la nascita del gruppo, il desiderio autentico di preservare la cultura della Bassa dall’oblio, mettendo innanzitutto in comune le memorie e le testimonianze, ma anche proponendo iniziative rivolte a tutti i curiosi delle terre basse del Po, per aiutarli a “conservare”.»

L’associazione si e` cosi` dotata di un sito istituzionale e di un blog costantemente aggiornato (ricco di appuntamenti e spunti di riflessione), ha organizzato alcuni incontri e momenti di condivisione e ha concepito alcune idee che potessero coinvolgere attivamente il territorio, a partire dalla raccolta di testimonianze (scritti, audio, video) di persone ancora in vita.

La pubblicazione intitolata L’Argine Maestro nasce proprio in quel contesto. «Gli intenti alla base del progetto – sottolinea il direttore Gabriele Maestri – sono gli stessi dell’associazione, anche se proposti a un pubblico potenzialmente piu` ampio: far conoscere o far riemergere un patrimonio inestimabile di ricordi, esperienze, immagini, sensazioni e cercare di proteggerlo dall’oblio e dall’indifferenza, attraverso la conoscenza e la condivisione.» 

Il patrimonio e` davvero ricchissimo: vi rientrano la storia e le tracce archeologiche, le tradizioni rurali, i fabbricati e le case, i paesaggi, le tradizioni, i mestieri e i loro strumenti; hanno pieno diritto di cittadinanza anche i giochi di infanzie passate, i sapori delle nostre tavole (che resistono, ma non tutti e non dappertutto), il calore dei dialetti, gli animali fantastici di una mitologia legata al territorio, i libri e i musei che raccontano un punto di vista particolare del mondo del Fiume.

Tutti elementi che, messi insieme, compongono un’immagine fedele dell’identita` della gente nata e cresciuta nella Bassa. C’e` un po’ di tutto questo nelle 96 pagine che portano lo stesso nome dell’associazione: l’argine maestro e` una presenza emblematica delle nostre terre, un riferimento che non viene meno, ma e` soprattutto una difesa dalla forza dell’acqua. «L’Argine Maestro, in fondo, si propone di difendere la ricchezza della cultura della Bassa da un’altra corrente – precisa Maestri – quella del tempo che, scorrendo alla velocita` frenetica cui siamo abituati, rischia di erodere poco alla volta quanto ancora rimane di un passato neanche troppo remoto.» Hanno scelto di raccogliere questa sfida alcune persone, tra soci e amici dell’associazione: alcuni scrivono per professione (ci sono scrittori come Giuseppe Pederiali e Gabriele Franceschi, nonche´ diversi giornalisti), altri per diletto, ma ciascuno e` ben fornito di passione, di occhi per guardare e di voglia di raccontare.

«Nessuna operazione nostalgica, nessuna esaltazione del passato a tutti i costi o fine a se stessa – tiene a precisare Daolio – a chi sale sull’Argine non interessa. Si avverte piuttosto l’esigenza di non disperdere quel patrimonio di cui si e` detto, per poterlo consegnare a chi e` nato dopo o ancora deve nascere: alcuni elementi sono gia` stati persi o rischiano di esserlo presto, per cui non basta conservare, ma occorre mettere a disposizione di tutti cio` che si e` salvato.» L’Argine Maestro ci prova, con un centinaio di pagine in formato maneggevole, ricche di interviste, ricordi, esperienze e soprattutto immagini significative, che illustrano a dovere le storie di volta in volta raccontate.

Da ultimo, la pubblicazione che esce ora non dovrebbe essere un episodio isolato, bensi` un «esordio», come sta scritto anche sul dorso dei volumi. L’associazione vorrebbe che L’Argine Maestro diventasse quanto prima una vera rivista (con periodicita` da definire): occorrerebbe che piu` persone, non necessariamente iscritte all’associazione, accettassero di mettersi in gioco, permettendo cosi` alla Bassa di raccontarsi a lungo.


da: ReggioNelWeb.it n. 409 del 12/04/2011

 


 

 

Gazzetta


da: Gazzetta Del Po n°16 del 23 aprile 2011


 

 

 Liberta

 

da: La Libertà 16 aprile 2011

 

 


 

 

Pagina

 

Recensione


da: Il Giornale Di Reggio del 8 maggio 2011


 

Liberta


da: La Libertà del 7 maggio 2011


 

Documenti allegati
GdR_PagArgineCestai.pdf GdR_PagArgineCestai.pdf (136.32 KB)
GdR L'AMnarralaBassa.pdf GdR L'AMnarralaBassa.pdf (202.83 KB)
Domenica, 17 Dicembre 2017

L'Argine Maestro
Via Pieve, 27
42016 Guastalla [RE]

Presidente
Daniele Daolio

Vicepresidente
Paolo Curti