L'ArgineMaestro Associazione Culturale
storia arte ambiente cultura locale dialetto bassa-reggiana testimonianze archeologia prodotti del territorio

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all'Associazione L'Argine Maestro per il 2017

Socio 2017

Chi fosse interessato può inviarci una mail o contattare direttamente il Presidente dell'Associazione: Daniele Daolio

Tutti i giorni, vai sul Blog L'Argine Maestro, l'aggregatore di notizie, stimolazioni intellettuali, riflessioni, segnalazioni e interessanti spunti per meglio conoscere e comprendere il territorio Basso-Padano.

Archivio News

CATEGORIE  | 
 

Inedito Pederiali pubblicato dall’Argine

Martedi, 11 Giugno 2013, 12:15

 

Santi

 

REGGIO. L’ultimo testo del grande scrittore modenese Giuseppe Pederiali, scomparso il 3 marzo scorso, è pubblicato da una rivista reggiana. Si tratta de “L’Argine maestro” rivista della Bassa diretta da Gabriele maestri che pubblica di Pederiali il testo “Santi e Madonne della Padania felix”. L’autore di testi molto noti come “Il tesoro del Bigatto” e “I ragazzi di Villa Emma”, in questo suo ultimo testo analizza i suoi territori, quelli che l’hanno visto nascere e crescere prima del trasferimento a Milano dove poi è scomparso. Il testo si apre così: «Sulla strada per Levizzano Rangone, ai margini della via Spagna sorge una maestà, una di quelle minuscole cappelle votive che ancora si incontrano numerose nelle campagne». Pederiali del resto era in contatto con gli autori della rivista, tanto da regalare agli editori nel corso degli ultimi tre anni due suoi racconti. L’ultimo appunto è quello ora disponibile.

La rivista reggiana intitola la sua terza uscita “La Bassa, un set naturale”, ricordando un imminente film dedicato all’artista Antonio Ligabue che avrà il medesimo titolo. Su quest’ultimo volume gli autori narrano la la vicenda personale di personaggi caratteristici che non ci sono più come il guastallese Piròl o ancora attuali come il pastore che abita la golena del Po o l’arrotino che un tempo fu pugile di fama. Prima che se ne perda per sempre la memoria si racconta anche della fabbrica dei cappelli di paglia tradizionali di Luzzara. La storia passa attraverso i carbonari del Risorgimento al tempo di Maria Luigia, ma anche attraverso le corti rurali abbandonate, i caselli per il formaggio e le loro straordinarie architetture o ancora il rocchetto-trattore che i bambini costruivano fino a qualche decennio fa. Momenti di vita che merita di essere ricordata è quella che segnava l’isola detta “Degli Internati” a Gualtieri, del cinema Centrale di Guastalla, delle risaie a Santa Vittoria.

 

da: GAZZETTA DI REGGIO 09 giugno 2013

 

 

Domenica, 17 Dicembre 2017

L'Argine Maestro
Via Pieve, 27
42016 Guastalla [RE]

Presidente
Daniele Daolio

Vicepresidente
Paolo Curti